×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 621
Print this page
COSÌ NASCE IL FRIULARO
Blog 03 Febbraio 2018

COSÌ NASCE IL FRIULARO

Rate this item
(0 votes)
Be the first to comment!

La vite ha origini molto lontane, e il vino, per arrivare fino a noi ha navigato anche per difficili mari a bordo delle navi della Serenissima. Prendeva parte a lunghe spedizioni grazie alla sua acidità, che gli consentiva una buona conservazione. I Monaci Benedettini ne hanno coltivato a lungo le terre, e senza saperlo hanno permesso che non si perdesse la tradizione di un vitigno tanto difficile quanto storico e amato in quelle zone del padovano, dando anche a noi la possibilità di berlo ancora oggi. Tutta questa storia la potete ritrovare in una bottiglia di Friularo Ambasciatore.

 

E' un vino tosto da trasformare. Bevuto giovane sarebbe troppo tannico e acido, un vino "acerbo". Ha bisogno di tempo, e la Conselve Vigneti e Cantine, tra i produttori di questo vino è quella che gliene lascia di più. Sono andati oltre i paletti del pur stretto disciplinare, in tutti i processi di vinificazione e affinamento, producendo il Friularo Docg con lungimirante pazienza.

L'uva viene fatta crescere tenendo una resa piuttosto bassa, per spingere la vite a dare il massimo per pochi grappoli. Vengono accuratamente defogliate le viti per dare la giusta esposizione al sole all'uva. La vendemmia, rigorosamente a mano per lasciare intatti i grappoli, un tempo fatta in prossimità dell'estate di San Martino, l'11 di novembre, oggi è anticipata a metà ottobre. Dopo la vendemmia appena tardiva e la conseguente sovramaturazione, l'uva è lasciata appassire in grandi fruttai, lontano da muffe e umidità. Questo processo serve ad aumentare il residuo zuccherino, per ottenere maggior alcolicità e gusti più caldi.
L'uva però è talmente piena di qualità che trasmetterà comunque al vino una certa freschezza (acidità) e aromi eleganti di fiori e di frutta rossa e nera, come la marasca (un tipo di ciliegia) e la violetta.
Dopo la macerazione sulle bucce, l'affinamento del vino viene attentamente fatto riposare tra acciaio e legno. L'affinamento non è mai inferiore a 36 mesi, suddivisi tra barrique non di primo passaggio e le più grandi tonneau. Qui il vino si ammorbidisce, si riequilibra e acquisisce sentori leggeri di vaniglia, frutta appassita e spezie.  Prima di essere messo in commercio infine, il vino viene lasciato un anno in bottiglia, perchè si riassesti e guadagni equilibrio. Così, uve del 2011 arrivano sulle vostre tavole solo nel 2017.

Il gusto riconferma ciò che il naso ha anticipato, ed è austero, giustamente tannico ma molto gradevole al palato. Pieno, robusto, di perentoria struttura, con persistenza ed equilibrio che vi sapranno stupire.

 

Per citare Charles Baudelaire: Quanto tempo ha dovuto aspettare il Friularo "prima di poter scendere soave nella gola di un uomo..."

 

E voi vorreste farlo aspettare ancora?

 

Puoi acquistarlo qui.

Read 3917 times
Last modified on 15 Febbraio 2018